martedì 22 aprile 2008

Pausa




Mi prendo una pausa da tutto quello che stavo facendo, dai tanti impegni di questi giorni, e scrivo. Scrivo perchè mi va, scrivo perchè è un pò che non lo faccio e perchè esternare, ogni tanto, mi serve.


Ringrazio AndreA per il premio che mi ha assegnato e che presto andrò a ritirare (devo fare poi le mie nomination?) e altri bloggers che mi hanno passato dei Meme..datemi un pò di tempo per pensarci! Sui miei tempi lunghi PiccolaIle ne sa qualcosa...:-) Sai che c'è? Che quello dei sette segreti mi mette un pò in "crisi" perchè fondamentalmente sono una che non ama "svelarsi"...anche se poi c'è CHI mi sa osservare e si accorge di tutto..

Perchè gl'occhi non mentono e forse nemmeno le mani quando, in attimi di apparente tranqullità, si serrano in due pugni chiusi, quasi a voler trattenere quanto di bello sto sentendo...


E' un vizio che ho fin da piccola e fino a poco tempo fa nessuno se ne era accorto.

Quando c'è stato chi, con estrema dolcezza, me lo ha fatto notare, ho capito che l'essere affamato di ogni dettaglio, di ogni espressione del viso, di ogni sguardo carico di parole, è sinonimo di qualcosa di grande.


E' un pò come passare un'intera notte accanto a chi si ama impedendo al sonno di vincere, solo per il gusto di osservare la bellezza di chi dorme accanto a te..


Osservare una persona poi, è un pò come guardare un quadro...se ti allontani lo vedi meglio nella sua complessità ma se ti avvicini resti quasi immerso nei suoi colori.


Mi piace osservare la gente, ascoltare cos'hanno da dire le persone e perchè a volte sembra così difficile capirsi...


Perchè a volte si ha così paura di svelare cose che sono sepolte troppo vicino al nostro cuore o che hanno segnato un punto di non ritorno..Sarà per questo motivo che non giudico mai le persone (chi sono io per farlo?) esprimo pareri derivanti da sensazioni, che è diverso...


Le mie sensazioni, le mie emozioni...

Mi nutrono, alimentano il mio essere, la parte più autentica...


Mi emoziona un abbraccio, una risata scema sotto le lenzuola, la colazione a letto che non facevo da una Vita...infilare un anello troppo grande per le tue dita magre e bianche ma che con un altro anello sopra sta fermo lì - è solo una questione di incastro- e evidenzia inconsapevolmente il timido gesticolare delle mani e il pallore della carnagione.


Mi emoziona un papà che mentre si parla di quello che bisogna studiare di psicologia, mi interrompe per mostrarmi fiero la foto del figlio sul cellulare.

Mi emoziona chi mi dice che ho un certo spessore come persona e poi, ridendo e pizzicandomi un fianco dice "Si, però dovresti magnà de più".

Mi emoziona chi mi regala un libro perchè sa che li adoro e sulla prima pagina scrive una dedica che termina con un "mi mancherai".

Mi emoziona chi mi sorride ma vorrebbe dire di più..


Mi emozionano le mie foto da piccola, in certe sembravo un maschietto, e quelle in cui si vedono mamma e papà giovanissimi e pieni di progetti.


Forse la mia pausa è finita, è il caso che ricominci a fare ciò che ho lasciato a metà..o finisco domani, magari dopo pranzo?


Ci sono cose che possono essere rimandate a domani, altre, che devi vivere, adesso, senza premere il tasto "pausa".



15 commenti:

Master of Fouls ha detto...

...bello come rendi per iscritto le tue sensazioni e i momenti che vivi...con leggerezza di forma e concretezza di significato...

MoF

AndreA ha detto...

Ecco, è per post come questo, che quì non sono rari, che ti ho assegnato il premio!!! BRAVISSIMA!!!

Un post davvero "fine" ed elegante!

Un bacio, buona notte! :-)

Calimero ha detto...

Sara... che bello... non sai come mi sento vicina alle tue parole in questi giorni di caos... il lavoro che ricomincia... le persone che si allontanano e quelle che si avvicinano... la voglia di contenere il mondo negli occhi... di vivere e vivere senza pausa...

rompina ha detto...

uuuh...Sara...vorrei saper esprimere quello che sento con questa tua efficace semplicita'...

Calimero ha detto...

p.s. ti ho linkata spero non ti dispiaccia... :)

Teddymorsicchio ha detto...

Brava Sara! baciotti,Patty

Simplyandy ha detto...

ciao....capito per caso nel tuo blog. Davvero carino complimenti. Poi disegni molto bene. Questo post è di una delicatezze e sensibilità indescrivibile. Alla prossima.

DUBBAFETTA ha detto...

vivere di dettagli, per molti i dettagli sono e rimangono tali, come te osservo il mondo come se fosse un puzzle fatto di piccolissi pezzi, forse il mondo è un puzzle troppo grande per me, per questo non ci ho mai capito molto

DIDI ha detto...

Credo sia importantissimo evitare di rimandare a domani quello che puoi fare oggi. Domani potrebbe esserci un'altra sfida da affrontare e potremmo non avere il tempo di fare ciò che va fatto oppure dovremo precluderci la possibilità di affrontare la nuova sfida solo perchè ieri non avevamo voglia di fare ciò che andava fatto.
Un'amico mi ha detto una cosa saggia: Quando non ho voglia di fare una cosa mi chiedo se c'è davvero un buon motivo per non farla, se non c'è, la faccio...

Bk ha detto...

Solo un bacio veloce per salutarti e dirti che sno rientrato in zona blog... Bk

OSoleMia ha detto...

è così, è così. ci sono cose che, se ti prendi il tempo di premere pausa, sono già passate, vanno colte al volo. quindi si mette in pausa tutto il resto e si corre dietro all'attimo di necessità sfuggente...

ciao Sara, brava :)

alf ha detto...

non rimandare a domani quello che puoi fare oggi..ma se sai che domani puoi farlo meglio..beh, aspetta e preparati

piccola ile ha detto...

A volte per delle persona siamo del tutto trasparenti,non c'è nemmeno bisogno di spiegargli come stiamo...che loro già l'hanno capito...e ci chiediamo come facciano...
poi ci ho pensato su,credo che inconsapevolmente gliel'abbiamo permesso noi,di leggerci dentro.
Per quanto riguarda le emozioni...non metterti mai in pausa. Ma che te lo dico a fare....

Per il MeMe...nn sentirti obbligata a svelarti...ma sappi che già i tuoi post svelano molto di te...;)

Sally ha detto...

Emozioni.. potessimo nutrirci solo di quelle non avremmo mai fame! Ma sappiamo che non sono sufficienti, perciò spesso compiamo il fatale errore di considerarle inutili e privarcene perchè... perchè non c'è tempo, perchè "ora ho altro da fare che pensare a queste sciocchezze", perchè... perchè? Perchè le emozioni ci rendono fragili, vulnerabili, così dannatamente umani...
Ben vengano le pause e tutte le emozioni che possono portare, sono proprio queste apparenti fragilità a fare la differenza tra l'uno e l'altro, a dare "spessore" a qualcuno che magari mangia un po' meno di qualcun altro.
Bel post Sara, complimenti.
Un po' in ritardo, ma sono riuscita a ricambiare la visita. Ed ora procedo ad una meritatissima linkatura.
Bacioni!

Sara ha detto...

@ Master: grazie...l'importante è che arrivi forte ciò che voglio dire..:-)

@ AndreA: grazie ancora del premio..trooooppo gentile! :-)

@ Calimero: questo è il potere della scrittura: l'immedesimarsi nelle parole di qualcuno che abita lontano..sono contenta :-)

@ Rompina: efficace semplicità...suona bene,mi piace!!!:-D

@ Teddy: ;-)

@ simplyandy: benvenuto,ricambio la visita!:-)

@ dubbafetta: e non sei il solo ad averci capito poco...io qualche pezzetto inizio a metterlo insieme...;-)

@ didi: saggio il tuo amico eh...:-)

@ bk: benritrovato!!!:-)

@ osolemia: certe cose le devi prendere al volo,se schiacci il tasto pausa poi non puoi tornare indietro..grazie anche a te!:-)

@ Alf: :-) :-)

@ ah le emozioni....fanno sempre un gran casino..:-)

Sei davvero carina ile:.:-)

@ Sally: ciao, che sorpresa! io mi nutro d'emozioni( e di gelati) però a volte mi distruggono un pò...
imparerò a gestirle e ad amarle perchè in fondo, loro, non mi hanno mai tradito!:-)
Ti linko anch'io!